Young View: second Chance, second life!

Le opportunità arrivano raramente. Quando piove oro, mettete fuori il secchio, non il cucchiaio. (Warren Buffett)

Ciò in cui l’essere umano eccelle di più nel fare è sbagliare. Tutti nella nostra vita abbiamo commesso un passo falso, per poi rendercene conto troppo tardi, e sarebbe da ipocriti tentare di provare il contrario. Basta una parola di troppo per ferire una persona, un silenzio assordante per distruggerla. Ci si saluta con l’amaro in bocca e con mille cose da dire, ma nessuna sembra adatta a distruggere quel muro di forse, di se e di ma. E se per sbaglio un giorno gli sguardi si incrociano di nuovo, dai lati opposti della stessa stanza, non si può fare a meno di pensare a quando la distanza era sufficiente per due respiri. Sbagliare è inevitabile e le conseguenze si ripercuotono su entrambi. Eppure, nonostante spesso siano la fierezza e la rabbia a prevalere sul resto, ci sono delle situazioni in cui bisognerebbe lasciare da parte l’orgoglio. Dovremmo imparare a riflettere di più su ciò che proviamo, per distinguere tra cosa ha bisogno la nostra mente e cosa vuole, desidera il nostro cuore. L’unico problema è che troppo spesso, l’uno non coincide con l’altro. Bisogna trovare il coraggio di agire anche quando le parole non si trovano e le spiegazioni non bastano, quando si ha paura di esporsi a qualcosa di rischioso. Nonostante sia proprio il timore di mostrare quello che si pensa realmente che ci trattiene, che ci fa perdere le opportunità e che ci fa pentire di aver agito in un determinato modo. Se solo fossimo capaci di perdonarci come i bambini, che con un abbraccio sono in grado di scaldare il cuore del più crudele degli uomini. Diciamoci la verità, dare una seconda chance non è mai una decisione semplice da prendere. Bisogna considerare fin troppe cose prima di dare una sentenza finale, troppe frasi lasciate a metà e troppi pensieri mai espressi. È necessario guardare in faccia la realtà e saper distinguere ciò che fa bene al cuore e ciò che  fa male, anche se a volte è difficile accettarlo, capire quanto valga la pena di porgere l’altra guancia e ricominciare da zero. Spesso tendiamo a sacrificare la nostra felicità per quella degli altri, per l’affetto che proviamo o per l’abitudine, ed in certi casi è necessario mettere l’amor proprio davanti a quello degli altri. Sopravvive sempre quella parte di noi che ci dice di perdonare, di lasciarci alle spalle la delusione e di dare un’altra opportunità a chi ci ha feriti ed è cambiato e perché no, a  volte anche a noi stessi. Ad esempio, quanto spesso ci siamo guardati allo specchio ed abbiamo pensato di voler essere qualcun altro, anche solo per ventiquattro ore? Quanti giorni ci siamo odiati per il nostro carattere, per il nostro modo di fare e di essere? Ecco, anche noi meritiamo di darci una seconda chance, per tutte le volte in cui non abbiamo creduto abbastanza in quello che facciamo e non ci siamo sentiti all’altezza. Diamoci una seconda possibilità perché tutti ci meritiamo di sorridere, di guardare dentro di noi ed essere contenti di chi siamo diventati: non è mai troppo tardi per provarci. Prendiamo come esempio i vecchi edifici abbandonati, pezzi di storia lasciati alla loro rovina dopo decenni di gloria: anche se sono deteriorati dal tempo e rovinati dalla natura, è pur sempre possibile farli tornare allo splendore di un tempo. Nonostante sembri impossibile all’apparenza, c’è sempre tempo per rimediare ad uno sbaglio e per ricominciare da capo, partendo dalle fondamenta e dalle vecchie mura del nostro cuore. A volte, prima di dare una seconda chance agli altri, dovremmo cercare di ricominciare da noi stessi. 

Aurora N.

Un pensiero riguardo “Young View: second Chance, second life!

  1. “È necessario guardare in faccia la realtà e saper distinguere ciò che fa bene al cuore e ciò che fa male, anche se a volte è difficile accettarlo, capire quanto valga la pena di porgere l’altra guancia e ricominciare da zero.”

    purtroppo però non sempre si parte da zero …certi segni restano.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...